Zolle

condividi con facebook feed RSS condividi via mail aggiungi pagina ai preferiti

Storia dell’albero di pesco

Si racconta che il primo albero di pesco mise radici sulla terra grazie ad un pescatore che trovò il nocciolo nella pancia di un pesce. Lo estrasse e lo guardò con curiosità, pur non sapendo bene cosa fosse, pensò potesse essere un seme e, dunque, lo piantò nel suo giardino. Nacque una piantina che si trasformò presto in un giovane albero e in primavera si riempì di fiori rosei e poi di frutti dolci e succosi. Una volta che li ebbe assaggiati, il pescatore pensò di ricordare l’origine marina di questo nuovo frutto chiamandolo, per l’appunto, pesca.

peschenettarine

In realtà il nome della specie è legato alla Persia, ritenuta per errore dagli autori greci e latini la patria di origine del pesco. Oggi si suppone che arrivò in Persia dalla Cina e da lì si diffuse nel Mediterraneo grazie ad Alessandro Magno. Oppure che giunse prima in Egitto, poi in Persia e in Siria e da lì venne introdotta in Italia.

Ne esistono moltissime varietà che sono, inoltre, in continua evoluzione. Per questo, per catalogarle si utilizzano le caratteristiche del frutto, come l’ aspetto e il colore della buccia e il colore della polpa. Usando questo sitema si individuano 5 gruppi: pesche a polpa gialla, pesche a polpa bianca, nettarine a polpa gialla, nettarine a polpa bianca, percoche.

PESCAtabacchiera

Nelle Zolle a casa, trovi le prime nettarine a polpa gialla più o meno tra maggio e giugno, ma molto dipende dalla stagione, da quanto sole c’è, insomma dal tempo che fa!

 

Lascia un commento

*