"Io avevo molto forte la passione per gli animali, per il gregge, i campanacci, la pastorizia... Perché nell'allevamento c'è tutto, proprio tutto. Per me c'è l' essenza dell'uomo dentro questo lavoro”
Pitzalis
Anguillara Sabazia(RM)
Struttura aziendale
L’azienda dispone di circa 200 ettari di terreno in affitto, adibiti a pascolo. Una parte di questi terreni, circa 50 ettari, sono di proprietà della Facoltà di Agraria di Bracciano. L’azienda dispone inoltre di un caseificio di proprietà per la produzione dei formaggi.
Lavorano in azienda
Oltre al titolare, Bruno Pitzalis, che si occupa dell’organizzazione generale, della produzione, degli animali e della commercializzazione, in azienda lavorano sua moglie Santina, che si occupa del caseificio, una dipendente a tempo indeterminato che si occupa della vendita aziendale e un dipendente a tempo indeterminato che si occupa della stagionatura. Inoltre Bruno si avvale dell’aiuto di quattro ragazzi per il pascolo degli animali.
Filiera produttiva principale
Il ciclo produttivo totale si svolge completamente in azienda, dalla produzione del latte alla trasformazione.
L'azienda zootecnica di Bruno Pitzalis nasce dal desiderio di Bruno di continuare la tradizione familiare. La famiglia di Bruno si trasferì nei primi anni '80 dalla Sardegna a Bracciano (Roma), portando con sé il gregge. Bruno ha studiato a Bracciano, si è iscritto all'Università, ma ha preferito continuare il lavoro dei suoi familiari. A 22 anni era già solo con il suo gregge, continuando anche la tradizione familiare della transumanza. Nel 1999, insieme a sua moglie, ha acquistato i terreni dove ha messo in piedi la sua azienda.

"Noi siamo pastori si può dire da sempre, ci perdiamo nella notte dei tempi! Io ricordo che in Sardegna da bambino aiutavo mio nonno a fare il formaggio. Ho imparato dalla linea materna, da mio nonno e successivamente da mia madre”.

L'azienda Pitzalis dispone di circa 200 ettari di terreni in affitto per il pascolo invernale delle pecore, circa 2.200 capi. Da giugno ad ottobre il gregge viene portato in transumanza da Bracciano a Campo Felice in Abruzzo. L'azienda inoltre dispone di un laboratorio per la trasformazione dei formaggi, di una sala di mungitura, di un locale per il ricovero delle pecore nei mesi invernali e di un punto vendita aziendale.
"Al primo posto ci deve essere il benessere degli animali. Non lavoriamo per fare business. Noi facciamo un percorso ereditato dai nostri antenati. Lo sviluppo deve essere sostenibile, in armonia con la natura e con gli animali”.

Bruno è orgoglioso e felice di raccontare l'organizzazione del suo lavoro e della sua azienda e, in particolare, tiene a sottolineare l'importanza di produrre formaggi dal latte come unica materia prima, senza additivi né conservanti. Inoltre le pecore vengono alimentate soltanto con fieno, paglia e orzo proveniente da un'azienda vicina, qualsiasi tipo di mangime è assolutamente bandito.
"La scelta di tenere l'allevamento al pascolo brado è molto impegnativa, bisogna fare sacrifici, ma dà soddisfazioni e risultati che altrimenti non si avrebbero”.
La produzione è molto varia, si va dai prodotti freschi come ricotta e yogurt, ai prodotti stagionati.